Categoria: Colori

…pezzi di me.

Ed è già abbastanza, 

questo cielo acceso al tramonto.

…abbastanza da tener conto 

di ogni ondivago pensiero.

Guardami,

cambio ad ogni nuovo colore, 

ad ogni sfumatura 

e piano accolgo il dolore.

Doma ogni eccesso la bellezza, 

allora perché non so goderne?

La mia generazione ha perso, 

ha perso senza possibilità di riscatto.

Ha perso e io mi sento persa.

@ziaMafy

foto personale

Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di ignorare il dolore e
ci siamo addormentati vivi tra gambe abbronzate
per svegliarci sbiadite copie di Bukowski.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di ignorare le finestre chiuse
e per qualche ora di poesia abbiamo rifiutato il bacio di Dio,
sconfitti, abbiamo poi cercato nell’amore una nuova religione.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di donare quello che non è nostro
fingendo entusiasmo, orgasmi e compassione.
Siamo diventati così bravi e convincenti da desiderare, noi stessi,

2009_15256_17770
foto, Davide Nesti

di diventare come l’altro ci desidera.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Abbiamo perso.
Ci siamo persi.
@ziaMafy

Bianco e nero.

Camminavi al mio fianco
sfiorandomi appena
” Il buio il buio, dov’è il buio?”
mi accompagnavi
sicuro verso la sera
“…volevo la notte per indovinarti la pelle
e stelle in cielo per ingannarti gli occhi…”
Potessi regalarti ancora
stelle per ingannarmi
e notti di parole.
Pelle da accarezzare e pentimenti
…invece di terra fredda,
il caldo rifugio dell’amore.

@ziaMafy

 

bianco-e-nero-
foto di Ornella Erminio.

Di certe mattine, 

quando l’illusione di essere padrona delle parole ti fa credere di poter,

 impunemente, 

raccontare cosa c’è nel tuo cuore.

Impunemente.

Invece no, nessuna verità  resterà impunità.

Darsi così.

Regalarti l’anima e sapere che mai, 

mai la riceverai tra le mani, 

mai l’accarezzerai.

Mai né ascolterai la voce, né risponderai.

Allora a cosa serve raccontare?

A cosa serve svelarsi?

…sono solo parole, alla fine sono solo parole.

A te non arriveranno mai, a me servono per non sentirmi sola,

ad avere l’illusione che, libere vaghino, a creare altre parole,

altre verità.

A creare amore.

Mafy.

Josef Hoflehner, paesaggi in bianco e nero.

Ombre.

Dimmi,
cosa sarebbe l’amore,
se non ci fossero i poeti a raccontarcelo?

Sorrido leggendo poesie d’amore,

 

Black-and-White-Serenity-Symmetry-by-Kai-Ziehl-004
foto di Kai Ziehl.

  

 

ma l’amore, l’amore mi fa piangere.
In lacci stretti che fermano il sangue mi costringe.
Cerco la bellezza in ogni sua forma e
guardo invecchiare le mie mani.
Ricordo quando il futuro
era roccia da incidere,
ora che è il mio passato
non mi pento di niente.
Amo ogni mia ruga,
ogni difetto,
che sa di tempo vissuto.
È la somma dei tuoi sorrisi,
che devo sottrarre
o forse solo imparare
(…anche se è un pensiero che mi fa tremare…)
che non ci sei più.

Mafy.

Grigio.

Non in tutti cuori albergano virtù
e non tutte le stelle brillano sui vizi,
ché alcune solitarie,
si accendono solo
per uno spavento di felicità.
Non volevo assomigliare alle mie parole,
avere un’anima che ride
e un cuore capace di battere
soltanto all’unisono con il tuo.
Ho provato ad andare,
ma il cuore è un tiranno
ha le sue regole e
non riconosce sconfitte.


Mafy.

 

 

image
foto personale

Bianco e nero con rosso

Ho desiderato essere bellissima per te, ho immaginato il tuo sguardo e le tue mani meravigliate di avermi.
Di notte tutto è possibile.
La notte che prima o poi finisce, lascia nel letto sfatto verità che sembrano bugie e sulla pelle bugie così vere da far dimenticare qualsiasi verità.
La notte è un bel posto per trovarsi, con le sue ombre che regalano braccia lunghissime,così ti illudi di poter abbracciare il cielo.
Ma non sono io quella che vuoi,me lo dicono i tuoi occhi e le tue mani.
Dallo specchio guardo il letto sfatto, oggi lo lascerò così.
Mi guardo…indosserò il rossetto più rosso e il mio sorriso più bello, se non posso essere la tua consolazione, forse potrò diventare il tuo rimpianto.


Mafy.

 

1207287357
bianco e nero con rosso-Leila Quarta