Tag: … pezzi di me

Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di ignorare il dolore e
ci siamo addormentati vivi tra gambe abbronzate
per svegliarci sbiadite copie di Bukowski.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di ignorare le finestre chiuse
e per qualche ora di poesia abbiamo rifiutato il bacio di Dio,
sconfitti, abbiamo poi cercato nell’amore una nuova religione.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di donare quello che non è nostro
fingendo entusiasmo, orgasmi e compassione.
Siamo diventati così bravi e convincenti da desiderare, noi stessi,

2009_15256_17770
foto, Davide Nesti

di diventare come l’altro ci desidera.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Abbiamo perso.
Ci siamo persi.
@ziaMafy

Occhi.

Preferisco avere gli occhi aperti.
Anche quando non riesco a contarmi gli anni sulla punta delle dita e ho bisogno di te.
Preferisco avere gli occhi aperti.
Per godere di sciocche risate,
quando siamo solo un letto sfatto
e il tempo passato è forse un ombra.
Preferisco avere gli occhi aperti.
Sulle parole e il loro significato.
Anche quando rimango indietro,
nascosta tra le nebbie della paura.
I pugni chiusi,per non aver bisogno di niente e di nessuno.
Preferisco avere gli occhi aperti.
Spalancati sul presente
ché il passato non è più
e il futuro è di nuovo attesa.
Mafy.
Shoji-Ueda-il-Photobook-dell’anno-07
foto di Shoji Ueda
È ancora lontano il giorno.
Mi sciolgo piano dal l’abbraccio della notte,
abbandono i suoi demoni, i sogni.
Fredde folate di vento
gelano i pensieri.
Chiudo gli occhi, respiro.
Cerco in me sorrisi,
nel mondo i colori.
Appartengo alla terra è con questa consapevolezza che,
apro le braccia al tutto.
La mia anima non è mia,è l’anima del mondo.

Ora so.

E finalmente mi appartengo.

Mafy.

img_4014
Foto di Kalosf.

…piove.

C’è freddo fuori e piove .
La pioggia scende lenta,dolcemente.
Solo io ne avverto la forza,la potenza?
Dopotutto,potrebbe in un attimo trasformarsi in temporale.
O in diluvio.
Come la vita.
E forse a tutto questo c’è un senso,
o forse bisognerebbe solo fare l’amore.
O scrivere il tuo nome sui vetri appannati.
Mafy.

foto personale.12144784_958674904195011_5179609888892719587_n (1)

Notte

A volte la notte non dormo.
Cerco risposte di cui non ricordo le domande.
La notte ballo con i miei fantasmi sorridendo ai miei pensieri.
Rido di me e di quello che non ho.
Mi perdono desideri mentre faccio a pugni con i miei sogni.
Cerco la ferocia di sogni senza armistizi,
ne userò il dolore e l’amarezza per accarezzarmi le ferite.

Mafy.

(Foto di Suma Maria ,Fotografa )11692531_907445795984589_599625026760499871_n

Autunno.

Autunno mansueto, io mi posseggo

e piego alle tue acque a bermi il cielo,

fuga soave d’alberi e d’abissi.

Aspra pena del nascere

mi trova a te congiunto;

e in te mi schianto e risano:

povera cosa caduta

che la terra raccoglie.

Salvatore Quasimodo.

(foto personale piazza dell’Esquilino,ora.) 

 

Un regalo.

Mi sorprende un pensiero ai bordi della notte,
va oltre ogni desiderio sognato e poi dimenticato,
la tenerezza per ciò che fui.

Infilo le parole come perle,
faccio nodi con i ricordi.

Una collana è il mio regalo d’addio
ai sogni fatti a pezzi dalla passione,
alla resa incondizionata dell’innocenza.

‘Arrenditi,sei bella quando ti arrendi…arrenditi all’amore,alla vita.
Accogli il dolore, ascolta la musica dei sogni,lascia la paura.
Sono stato costretto dall’amore ad amarti e tu non sentirti in colpa, ora che è tutto finito,per avermi amato allo stesso modo.
Io ci sarò sempre, non odiarmi se non posso fare a meno d’amarti,ma ora devi arrenderti e lasciarmi andare…’
Mafy.

11888117_925299600865875_5295527354210455256_n

(Foto personale)

Facile.

Ti guardo attraverso un calice di vino,
il tuo volto cambia e cambiano le prospettive.
Le luci soffuse inventano nuovi confini alla tua bocca,
gli occhi un pozzo scuro e senza fine.
Sarebbe certo più facile,amico mio,
la vita senza l’amore che ci tormenta.
Potremmo così dimenticare,
le notti passate tra rovinose voglie
e inutili parole, preludio di carezze
che stemperano il dolore.
Sarebbe quieta la vita senza l’amore,
senza l’alba gelosa a rubare le ore ai sogni,
senza la bruciante attesa della notte a rendere
infiniti i giorni.
…ma dimmi,amore mio,sarebbe questa la vita che vorresti per noi?
Mafy.

La pace.
Alyssa Monks
12113406_10153687325184511_2449557844225517385_o