Lei

Lei era così,
nessuno si era mai accorto della sua poesia fino al giorno in cui scomparvero entrambe.
Prima Lei e poi la poesia.
Qualcuno in verità,giurò di aver sospettato che Lei piangesse di nascosto, ma erano stati commenti appena sussurrati, a cui nessuno aveva dato peso.
Ogni tanto Lei regalava sorrisi e su questo si dissero tutti d’accordo.
Si creò invece un qualche imbarazzo,soprattutto tra gli amici,quando si sparse la voce che regalasse anche parole.
Sparirono tutti,negarono e spergiurarono “…ché no, le parole non si regalano, ma siamo impazziti!?”
La poesia ne soffrì moltissimo, pensò non fosse giusto…Lei era stata felice solo nei pochi attimi in cui le parole si liberavano e potevano essere di tutti.
…e così scomparve anche la poesia.
Poi, come sempre, piano piano tutti dimenticarono, ché il vuoto lasciato dai ricordi è presto preda della realtà.
Rimase però in tutti una sensazione vaga di disagio, un inspiegabile fastidio per il rumore del mondo, che impediva loro di ascoltare le parole di Lei, che ancora libere,volteggiavano nell’aria.

Mafy.

1978720_1729129030652097_759322083151823535_n
foto di Tina Modotti.

,

Annunci

3 pensieri su “Lei

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...