Tag: Pensieri

Lei, la poesia.

Lei, la poesia.

Lei sa come attraversarti la vita senza lasciare traccia, calca l’orma dei tuoi sogni.
Lo fa con tanti e nessuno ne è infastidito, quasi nessuno lo trova spiacevole e come potrebbero mai?… semplicemente non sanno. All’improvviso, avvertono questo assoluto bisogno di parole nuove, di guardare al mondo con diversa attenzione e ad essere preda di una passione, una smania, mai mai provata prima.
Allora sorridete, se vi capita d’incontrare chi si commuove guardando i colori dell’alba, loro non lo sanno, ma sono stati toccati da lei.
Sono suoi, non sanno cosa fare e bellissimi, piangono. E quelli che lo sanno, invece,

illusioni-in-bianco-e-nero-9
Foto, Chema Madoz.

hanno gli occhi stellati di chi si è arreso sorridendo.
Pochi, pochissimi riescono a trattenerla, a innamorarla e quando succede il mondo si ferma, forse non capisce, ma trattiene il respiro….lei ama e tutto è più bello.
Dedicata.
@ziaMafy

C’è fuori un cielo basso e pioggia leggera

 in me, ancora un po’ di Natale.

Il cammino acceso e musica.

Guardo fuori dalla finestra,

 -luci ondeggiano lentamente-

 alla mia immagine riflessa sul vetro, si sovrappongono ricordi.

La mente vaga, un libro aperto sempre alla stessa pagina.

“…mi pare un sogno, un illusione, tenerti stretto a me…” 

Chiudo gli occhi… e nel profumo della legna bruciata,

si dissolve la malinconia.

@ziaMafy

ALEXEY TITARENKO

Pensiero, dove hai le radici?*

Attecchisci in profondità,

là dove nascosti desideri riposano.

Lentamente sali, cresci e invadi spazi,

germogliando.

Fuori tempo.

Fuori luogo.

Fuori me.

Il mio cuore ti ama,

non io.

La mia anima si contorce e smania per te,

non io.

La mia solitudine è piena di te.

È la mia schiena che si inarca al tuo tocco

mentre io rimango immobile a chiedermi cos’è,

cos’è questo lento scorrere di vita,

questo desiderio di trasformare ogni attimo in eternità.

La mente in subbuglio cerca ragioni

ma trova solo pensieri sparsi senza radici.

@ziaMafy

*la frase è di Alda Merini.

photo, Alessandra Lanzafame.

Settembre

Amo la pioggia perché mi fa compagnia, calma i tumulti della mente, quieta le passioni.
Ma la pioggia di Settembre, no.
La pioggia di Settembre sa di passato e stupide canzoni, di addii e paradisi perduti…
L’aria profuma di pioggia.
Pioggia che racconta altre storie
-a goccia a goccia-
scioglie dubbi e nodi.
“Ti regalo un po’ della mia inquietudine
-come fossi estate-
come se la pioggia potesse bagnare le parole,
mettere radici ai pensieri, sopiti dal caldo, ma palpitanti di vita, di passione.”
E lentamente scivola via l’estate
cambia la luce, mutano i colori.
Stanca, spalle curve, porta il peso dei sogni perduti.
14212118_1146604402068726_4569217141688501039_n
foto by Stefano Trojano
Pesanti, lievi sogni, di stelle accese a ingannare gli occhi, di cieli caduti su mani che si sfiorano.
Lievi, pesanti sogni, portati via dalla pioggia.

@ziaMafy

Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di ignorare il dolore e
ci siamo addormentati vivi tra gambe abbronzate
per svegliarci sbiadite copie di Bukowski.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di ignorare le finestre chiuse
e per qualche ora di poesia abbiamo rifiutato il bacio di Dio,
sconfitti, abbiamo poi cercato nell’amore una nuova religione.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Quando abbiamo scelto di donare quello che non è nostro
fingendo entusiasmo, orgasmi e compassione.
Siamo diventati così bravi e convincenti da desiderare, noi stessi,

2009_15256_17770
foto, Davide Nesti

di diventare come l’altro ci desidera.
Abbiamo perso la nostra occasione.
Abbiamo perso.
Ci siamo persi.
@ziaMafy

Luglio

Dimmi con chi passi il tempo che è mio,da chi ti fai rubare i baci e a chi regali sogni.

Guardi mai tra le parole che lascio?

…briciole a tracciare un improbabile sentiero,

tra il cuore e l’anima.

Dimmi cosa guardi ad occhi chiusi

e cosa non vedi con gli occhi aperti.

Chiedi mai cosa c’è al di là della realtà

o ti accontenti di guardare al cielo?

Ridi di me?

Speri o ti disperi?

No, non mi devi niente.

Il tuo tempo non è il mio tempo,

le tue labbra non riconoscono le mie

e restano sconosciute le parole.

Non mi devi niente,

ma se un piccolissimo dolore

ti ferisce l’anima, puoi pensarmi.

Io ti ho dentro di me,

quando hai più bisogno

puoi passare e riposare.

@ziaMafy

foto Sandro Foti.

Bianco e nero.

Camminavi al mio fianco
sfiorandomi appena
” Il buio il buio, dov’è il buio?”
mi accompagnavi
sicuro verso la sera
“…volevo la notte per indovinarti la pelle
e stelle in cielo per ingannarti gli occhi…”
Potessi regalarti ancora
stelle per ingannarmi
e notti di parole.
Pelle da accarezzare e pentimenti
…invece di terra fredda,
il caldo rifugio dell’amore.

@ziaMafy

 

bianco-e-nero-
foto di Ornella Erminio.

Un bicchiere di vino.

Mentre ti osservo
sorridere
parlare di te
lontana dalle paure
aprire con dolcezza
il tuo cuore
a perfetti sconosciuti
con la tenera
incoscienza
di chi sa
che non lo deve fare.

Un bicchiere di vino.

Altro che l’amore
che niente perdona
bagna gli occhi
e nel timore
tutto tace
chiudendo con fermezza
il tuo cuore
a perfetti conosciuti
con la severa
lucidità
di chi sa
che lo deve fare.

Andrea Londra.

 

4-black-and-white-photography-by-stephen-clough.preview