Categoria: Castigat ridendo mores.

Di autobus e vecchie signore.

 Quel preciso momento in cui sali sull’autobus stracarico, un giovanotto ti fissa e dice “Signora si sieda, prego”…ecco, in quel preciso momento, prendi coscienza di essere ‘una signora’ e un po’ ci rimani male, ti viene da pensare “Aho mica so’ tu’ nonna…” lo pensi, ma solo dopo esserti seduta…ché la vanità avrà pure il suo perché, ma barattarla con un ora di viaggio da fare in piedi…non scherziamo, puoi chiamarmi nonna quando vuoi!

@ziaMafy è… forever young, per dire.

Annunci

Ggente che vota…

Du’ cosette sentite su er tranve stamatina te danno la misura esatta de chi semo.

“Ma che ce vai a fa’ a votà?… a fatte pija per culo”

“Perché? Che se votava ieri? Ma penza te…nun ce lo sapevo mica…”

“…poi nun potevo, dovevo da porta’ la patata mia ar mare, che me sta n’ po’ stranita.”

“Allora nun l’hai vista la partita⁈”

“Eccerto che l’ho vista! Me so’ messo ar bar….ma che schifo er mare tutto zozzo e nessuno che fa gnente, la gente è bbona solo a lamentasse…”

“ ….c’hai raggione….e comunque se so’ menati, pe’ me c’ha ragione er capitano, je rinnovassero er contratto e la facessero finita ‘na bbona vorta….anzi sai che te dico? ‘O chiedessero a noi tifosi je famo vede’ che è ‘a democrazia…”

….nun so com’è finita la discussione, ché ero arrivata alla fermata mia,ma prima de scenne dal tranve me so’ girata e je l’ho detto “Ma li mortacci tua!”
Mafy.

Benvenuta primavera…

Ho un’allergia.

Un leggero formicolio che sale dietro il collo, un pizzicore al naso, i muscoli si contraggono e ….etciù!

Tiro sù col naso, tu parli e sorridi….etciù!

Non capisco,stai mentendo?

Intanto starnutisco fino allo sfinimento.

….etciù!

Non so come dirtelo; non è di un dottore che ho bisogno.

 

foto reperita dal web


Ecco,non dovresti starmi così vicino,

anzi facciamo che sono io che mi allontano

 (e che sia tutta colpa mia)

e vado in cerca di un vaccino.

Così tu mantieni la tua bella ‘apparenza’,

tanto io, per esserci,non ho bisogno di presenza.

Puoi tenerti anche le promesse non mantenute,

che io di sicuro ci guadagno in salute.


ZiaMafy gioca con il raffreddore.

La zia si diletta.

Fori c’è ‘n vento freddo core mio,
che già me dole dovemme arza dar lletto.

Nu’ me va de lasciatte solo ar callo,

che ce lo so quello che vai pensanno.

E pe’ fortuna c’ho ancora un po’ de notte

 pe’ strapazzatte forte,

così domani matina,senza pustema,

posso lasciatte solo e stracco

pe’ nu’esse gelosa puro de’ lletto.

Mafy.